Dingbats* Wildlife e Earth: la mia personale recensione

Dingbats Wildlife + Earth Cover

Il quaderno Dingbats* Notebook è una valida alternativa nel caso tu non voglia optare per la marca di Bullet Journal ufficiale e allo stesso tempo non voglia scendere a compromessi sulla qualità.

Nonostante questa marca goda di buona fama e stima tra i Bullet Journalist, ho notato che nessuno ha mai recensito questi taccuini in italiano. Così, dato che li uso da quasi due anni, ho pensato di scrivere la mia opinione, pubblicando la mia primissima recensione proprio sui taccuini Dingbats* in formato A5+.

Questo articolo contiene link affiliati tramite UE Amazon Associates o dal sito ufficiale di Dingbats*.
Per te il prezzo resterà uguale, ma io potrei ricevere una piccola commissione sui prodotti che acquisterai.
Se deciderai di sostenermi, mi aiuterai a mantenere questo blog e a creare nuovi contenuti.

Perché ho scelto il Dingbats*

Dopo aver letto il libro di Ryder Carrol, mi sono recato in cartoleria e ho subito comprato un Leuchtturm 1917 di colore giallo. Questo taccuino mi piaceva esteticamente, ma la grammatura della carta, pari 80 gsm, non mi soddisfaceva perché usando pennarelli ed evidenziatori c’era troppo ghosting (ovvero quando volti pagina si vede quanto scritto dietro).

Quando il mio primo quaderno era in dirittura d’arrivo ho iniziato a valutare delle alternative e tra le opzioni vi erano la Scribbles That Matters e il Dingbats*.  La STM l’ho scartata perché in quel periodo avevano appena cambiato la grammatura della carta, portandola a 160gsm e avevo letto di alcune recensioni che diceva che sembrava cartone. Alla fine ho optato per il Dingbats*, in versione Wildlife, perché aveva tutto quanto desideravo:

  • taccuino vuoto (non pre-impostato) e puntinato
  • grammatura 100gsm
  • una bella cover minimalista
  • tasca posteriore e
  • portapenna elastico.

Rispetto al Leuchtturm 1917 è un po’ più grande, ha un solo segnalibro e le pagine non sono numerate, ma personalmente non è stato un problema, anche perché io non uso l’indice.

Caratteristiche dei Dingbats* Notebook

Il taccuino Dingbats* fa per te se desideri un prodotto di ottima qualità con una carta sufficientemente spessa (ma non troppo), prodotto con materiali e processi attenti all’ambiente.

Se scrivi molto e in grande, ti piace disegnare o realizzi spread complessi (soprattutto tabelle) la misura A5+ (16×21.5cm) ti fornisce maggiore spazio rispetto a un A5 (14.5 x 21 cm) standard di altre marche. Rispetto a un A4 questa misura risulta ancora facilmente trasportabile nello zaino o in borsa, senza un grosso ingombro.

Per quanto riguarda le versioni, se vuoi che il tuo Bullet Journal sia completamente personalizzabile e una maggiore scelta di colori (più classici e meno accesi) allora punta al Wildlife. Se invece sei all’inizio, vuoi le pagine già numerate o non ti piace creare le pagine iniziali (Indice, Key, Future Log) opta per la versione Earth.

Ma andiamo ad analizzare a fondo tutti questi dettagli.

📎 Leggi anche questo post
Le basi del metodo Bullet Journal in 7 punti (cos’è, perché, come crearlo e organizzarlo)

L’azienda e i prodotti

Dingbats* è un marchio di cancelleria ecologico, sviluppato considerando sia i materiali che il design.

Sul loro sito si trovano tante informazioni relative a questa particolarità:

  • I quaderni sono realizzati a mano con motivi minimalisti e con un occhio verso la sostenibilità ambientale (tra cui il marchio del Forest Stewardship Council).
  • Tutti i materiali utilizzati sono biodegradabili, vegani e riciclabili.
  • La carta è certificata FSC (FSC-C105099), marchio che garantisce che gli alberi tagliati vengano rimpiazzati o rigenerati in maniera naturale.
  • I materiali non sono basati sugli animali e sono 100% vegani, certificati dalla EU V-Label e gli adesivi sono a base acqua.
  • Infine il loro reparto R&D sta studiando sistemi per rendere le risorse 100% riciclabili anche per i paesi che non hanno un sistema di riciclaggio appropriato.

Il catalogo di prodotti si è ampliato nel corso degli anni, ai due tipi di taccuino (Wildlife ed Earth, oggetti di questa recensione) hanno aggiunto un nuovo formato chiamato Pro (che non ho ancora testato) e una linea di pennarelli e penne, chiamate Atopen che includono sia pennarelli fini (fine line) che brush pens (anche questi di prossimo acquisto, per il momento ho già investito negli Zebra Mildliner).

Caratteristiche tecniche dei Formati A5

WildlifeEarth
Misura (A5+)16×21.5cm16×21.5cm
CopertinaSimil-Pelle vegana certificataSimil-Pelle vegana certificata
Colori9  4  
Banda elasticaSiSi
PortapennaSiSi
Segnalibri12
Carta100gsm / certificata FSC prodotta in Libano100gsm / certificata FSC prodotta in Libano
Carta patinataNoSi
Numero di pagine192 / 96 fogli192 / 96 fogli
GuidePuntinato, a righe, a quadretti, vuotoPuntinato
Spazio tra le guide5mm – puntini e quadrati 7mm – righe5mm
Pagine perforateTutteSolo 16 (posizionate in fondo)
Pagine numerateNoSi
Pagina IndiceNoSi – 3 pagine
Pagina KeyNoSi – 2 pagine
Future LogNoSi
Tasca sul retroSiSi
Prezzo15.95 € / 18.00 Fr.17.95 € / 20.00 Fr.
SpedizioneIn tutto il mondo (costi e tasse variabili)In tutto il mondo (costi e tasse variabili)

A titolo comparativo, qui ti mostro la differenza delle misure con altri due marchi: Leuchtturm 1917 (giallo) e la Scribbles That Matters (azzurro):

Differenze tra Earth vs. Wildlife

Oltre al prezzo, le differenze principali tra i due modelli sono:

  • la carta: non patinata e color crema per Wildlife e patinata e color biancastro per Earth (ti invito a considerare prima dell’acquisto il colore della carta. Inizialmente non ero entusiasta del color crema, ma con il tempo mi sono abituato e anzi ora trovo perfino che dia al taccuino un certo stile retrò);
  • pagine non numerate per Wildlife o già numerate per Earth;
  • la presenza di tutte o solo di alcune pagine puntinate;
  • uno o due segnalibri;
  • alcune pagine pre-impostate o completamente personalizzabile.

La carta

Come illustrato precedentemente, la carta ha una grammatura di 100gsm. A scanso di equivoci, ti dico subito che un lieve effetto ghosting è presente (v. anche pen test in seguito), ma molto meno rispetto alla grammatura di 80gsm. Se desideri zero ghosting in assoluto, devi scegliere una grammatura di 160gsm, presente nella versione Pro.

Pen Test

Altre info utili

Difetti

Sono oramai 2 anni che utilizzo i taccuini Dingbats* e non ho mai avuto nessun tipo di problema, tranne il fatto che in entrambi, ad un certo punto, si sono scollati i segnalibri. Personalmente non li trovo indispensabili quindi il fatto che non ci siano non mi ha creato disagi, però per chi li usa spesso questo potrebbe dare fastidio.

Ci tengo comunque a precisare che il problema con i segnalibri l’ho avuto solo io con i Wildlife. In quelli di mia moglie, che ha usato 2 Earth, i segnalibri sono ancora presenti. Per questo non posso dire con certezza che si tratti di un problema di realizzazione del quaderno, magari sono io che li maneggio male.

Servizio Clienti

Nel nostro ultimo ordine Dingbats* a fine 2020 (dove ho testato il loro shop ufficiale) è stato commesso un errore nell’invio, in quanto mi hanno inviato un taccuino Earth del colore sbagliato. Contattato il Servizio Clienti, mi ha risposto in maniera celere e dopo poco tempo ho ricevuto la merce corretta. Da questo punto di vista posso dire che anche il loro Servizio Clienti è ottimo, con tempi di risposta e di reazione molto veloci.

In conclusione

Sia che tu scelga il classico Wildlife grigio con l’elefante, l’Earth azzurro per supportare gli oceani o il Pro da 160gms, con i quaderni Dingbats* vai sul sicuro: sono prodotti affidabili e con le giuste caratteristiche, ossia carta di ottima qualità e un prezzo equo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.